INSULA NET

Condomini: luoghi di condivisione

Il cortile del condominio dello stabile di Via Padova 36 a Milano è diventato per un giorno un teatro a cielo aperto per bambine e bambini. Merito di FringeMI Festival 2024, una rassegna di arti performative che dà spazio a spettacoli multidisciplinari, in spazi non convenzionali, e dell’associazione Apis, che ha curato la realizzazione del laboratorio.

Luoghi di passaggio che diventano luoghi di senso

Da uno spazio di passaggio a cui solitamente non viene dato alcun valore, questo luogo si è trasformato in un punto di incontro e interazione, tra diverse generazioni

Sono bastati alcuni teli, dei cuscini e delle vecchie scatole di legno usate come sedie per dare un nuovo significato a questo spazio: un luogo di divertimento e condivisione, dove passare del tempo in compagnia all’insegna della crescita personale e collettiva

Via Padova si è animata di storie provenienti da ogni dove: dall’Oceano alla Savana alla luna, per scoprire abitudini, stili di vita e culture diverse. 

Un evento all’insegna dell’inclusione organizzato all’interno di Libro Mosso, un rassegna frutto della collaborazione tra Mosso, Apis, B-Cam e Cinevan, finanziato da Fondazione Cariplo.

I condomini sono luoghi di incontro

I condomini possono diventare dei nuovi centri culturali e formativi, caratterizzati da un’intersezione di persone, attività e ambienti diversi, che si scambiano conoscenze e competenze, costruendo esperienze condivise e partecipate. 

Spazi che spesso rimangono vuoti, inutilizzati e abbandonati a loro stessi, il cui potenziale è ignorato, in quanto percepiti solo come un peso, un costo che grava sul bilancio annuale del condominio. 

Il nostro obiettivo è quello di cambiare questa prospettiva, dando agli spazi comuni un nuovo significato, fatto di condivisione e socialità. 

Spettacoli, attività laboratoriali, incontri di lettura, cene, merende, aperitivi, sono soltanto alcuni degli esempi delle tante cose che possiamo creare in luoghi che oggi neanche vediamo e con persone che magari conosciamo ancora soltanto di vista. 

La sostenibilità dei nostri quartieri passa anche dalla riqualificazioni delle relazioni tra abitanti, con l’obiettivo di creare connessioni positive, arricchenti e capaci di portare benefici per tutti i soggetti coinvolti.

Condividi quest'articolo: